Ruolo della terapia parodontale nella gestione di malattie e condizioni sistemiche complesse comuni: un aggiornamento

Questo articolo esamina l'impatto della terapia parodontale su alcuni outcomes relativi a malattie e condizioni sistemiche. Le conclusioni si basano su studi randomizzati e controllati pubblicati tra il 2010 e il 2016. La valutazione degli studi includeva gli outcomes negativi relativi a gravidanza, diabete, polmonite e malattia polmonare ostruttiva cronica. A causa della mancanza di studi che rispettassero i criteri di inclusione, l'articolo non ha preso in considerazioni malattie quali l'aterosclerosi, l'artrite reumatoide, la malattia di Alzheimer, le malattie renali croniche o le neoplasie maligne.

Professionisti dentali
Shutterstock 790254400

Per quanto riguarda il verificarsi di outcomes negativi in gravidanza, gli studi di ricerca inclusi nella revisione confermano come gli interventi parodontali siano sicuri ed efficaci nelle donne gravide, ma come il trattamento parodontale non contribuisca alla prevenzione degli esiti avversi legati alla gravidanza stessa.

Per quanto riguarda il diabete di tipo 2 e la parodontite, gli individui sottoposti a terapia parodontale non chirurgica sembrano beneficiare del trattamento. Oltre al miglioramento della salute parodontale, vi è un miglioramento nel controllo glicemico.

L'articolo sostiene, inoltre, che i batteri del cavo orale possono contribuire al verificarsi di quadri di polmonite ed esacerbazioni nei pazienti affetti da malattia polmonare ostruttiva cronica. La riduzione del biofilm dentale sembra ridurre questo pericolo nei pazienti considerati ad alto rischio. Tuttavia, il supporto scientifico circa i benefici, in questo ambito, di un migliore controllo della placca, meccanico o chimico, non risulta uniforme.

L'articolo conclude come gli interventi parodontali siano utili per i pazienti affetti dalle malattie e condizioni soprariportate.

Riassunto di un articolo scientifico

Questo riassunto di uno studio scientifico di Sabharwal A et al. è presentato da Anna Nilvéus Olofsson, DDS, Manager Odontology and Scientific Affairs. Clicca qui per maggiori informazioni.